Galleria dell'Incisione »English
Home Info Mostre Artisti Opere

Orari:

Dalle 17 alle 20
Tutti i giorni escluso il lunedì

Per ricevere gli inviti delle mostre:

Iscriviti alla newsletter

Seguici su:

Facebook

Segui la Galleria dell'Incisione su Twitter

Segui la Galleria dell'Incisione su Instagram

Mostra: Hansel e Gretel

Hansel e Gretel

DURATA:
Dal 1 dicembre 2017 al 21 gennaio 2018

Comunicato stampa | Immagini alta | Evento facebook

Dopo la mostra dedicata a Cappuccetto Rosso nel 2015, sarà un'altra fiaba ad abitare le sale della Galleria dell'Incisione di Brescia dal 1 dicembre 2017 al 21 gennaio 2018: Hansel e Gretel.

I personaggi e le atmosfere di quest'antica favola, resa nota a tutti dalla versione dei fratelli Grimm del 1812, divengono i protagonisti del lavoro di alcuni artisti contemporanei, chiamati dalla galleria a confrontarsi con un tema che ha da sempre affascinato il mondo dell'arte e della letteratura fino ai giorni nostri.

Attraverso un punto di vista sempre nuovo e personale gli artisti coinvolti, molti dei quali hanno collaborato in passato con la galleria, rileggono la fiaba e ne propongono, con libertà assoluta di svolgimento e di tecnica, versioni inedite.

Opere di: Davide Antolini, Alice Barberini, Giorgio Bertelli, Andrea Calisi, Mara Cerri, Vanni Cuoghi, Maurizio Donzelli, Bonomo Faita, Armida Gandini, Fausto Gilberti, Cinzia Ghigliano, Ana Kapor, Marco Manzella, Marina Marcolin, Franco Matticchio, Lorenzo Mattotti, Vladimir Pajevic, Sergio Ponchione, Remo Rachini, Sebastiano Ranchetti, Elena Tognoli, Velasco Vitali.

Mostra: Paesaggi e figure del reale

Paesaggi e figure del reale
Esposizione collettiva di artisti italiani e spagnoli

DURATA:
Dal 30 settembre al 19 novembre 2017

Comunicato stampa | Immagini alta | Alcune opere | Evento facebook

Jorge Abbad, Carlos Madrigal, Alessandro Taiana, Riccardo Taiana, Pedro Quesada: quattro pittori e uno scultore propongono a Brescia, nelle sale della Galleria dell’Incisione al numero 4 di via Bezzecca, una selezione di alcuni dei loro lavori.

Nelle 16 tele, nelle 4 sculture e così pure nei 15 disegni, essi descrivono il presente servendosi di una visione mimetica i cui presupposti trovano origini nella storia della figurazione e dialogo nella contemporaneità.

Seguendo i principi della migliore arte realista, i cinque operano rigorosamente dal vero. Nei loro lavori, realizzati in studio oppure en plein air e sempre alla presenza del modello, l’immagine appare non come riproposizione del reale, ma come suo equivalente. I loro dipinti, i loro disegni e le sculture nulla hanno a che spartire con il fotografico, l’aneddotico, l’effetto, il compiacimento, il sentimentalismo, il tecnicismo.

“La sottomissione del soggetto alla mimesis — scrive in catalogo A. Chiara Donini — è completa; la figura, gli oggetti del quotidiano, il paesaggio non antropizzato o quello violato e devastato dall’uomo, sono fissati in una materia soggetta al più rigoroso dettato formale".

I due italiani e i tre spagnoli non solo condividono la poetica della fedeltà alla realtà, ma anche la frequentazione con uno dei maggiori esponenti viventi della prima generazione della figurazione spagnola: Antonio López García. Lo scultore, pluripremiato, Pedro Quesada (1979) lo ha affiancato nell’atelier per circa un decennio e ha ripetutamente lavorato con lui; Jorge Abbad (1983) è suo assistente da diversi anni (insieme al maestro Manchego ha dipinto vedute di Madrid e, di recente, ha terminato un suo ritratto esposto, con l’apprezzamento del pubblico e della critica, anche alla National Portrait Gallery di Londra); Alessandro Taiana (1967), reduce da una serie d’importanti appuntamenti culturali ed espositivi in Spagna, Riccardo Taiana (1967) — come il fratello, allievo e custode dell’importante eredità intellettuale del grande Beppe Devalle — e Carlos Madrigal (1960), vincitore della Biennale di Albacete, hanno preso parte ad eventi formativi tenuti dal “padre della Realidad”.

Angam - Associazione nazionale Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea