Emil Orlik

(Praga, 1870 - Berlino, 1932)

BIOGRAFIA

Dopo gli studi all’Accademia di Monaco (dove in collaborazione con Bernhard Pankok pubblica un primo album di xilografie e collabora alla rivista Jugend) è in Inghilterra e ha contatti con William Nicholson (creatore della nuova xilografia inglese) e a Parigi dove incontra Felix Vallotton. È membro della Secessione di Vienna nel 1899 e collabora alla rivista Ver Sacrum.
Soggiorna a lungo in Giappone (1900-1901) e impara nei minimi particolari le tecniche della stampa a colori su legno. Dal 1905 si trasferisce a Berlino come professore agli Istituti di istruzione dei museo d’arte applicata.
Compie viaggi in Egitto, Nubia, Cina, Corea, Giappone e Siberia, nel 1924 soggiorna negli Stati Uniti, dal 1924 al 1932 viaggia in tutta Europa.
Orlik lascia una produzione grafica molto vasta che utilizza tutte le tecniche e sviluppa in modo eccellente quella xilografica. Molte serie di fogli sono il risultato dei suoi viaggi, soprattutto l’influenza dei periodo in Giappone è evidente in una parte delle sue opere.
I contatti coll’arte europea nelle sue nuove declinazioni e quelli con la cultura e col folclore orientale, l’ansia di conoscere gli aspetti internazionali dell’espressione artistica fanno di Orlik una figura emblematica di artista aderente al fermento secessionista della fine dei secolo XIX.

Pin It on Pinterest

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati utilizzano cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy