Il Giornale dell'Arte, febbraio 2011

«Eros, streghe e sirene»

di Franco Fanelli

Articolo di Franco Fanelli sul Giornale dell'Arte

A Otto Greiner (Lipsia, 1869-Monaco, 1916) ha nuociuto l’identificazione della sua arte con l’estetica nazista del corpo e della mitologia, come del resto è capitato ad altri esponenti della lunga e contraddittoria stagione simbolista. Una retrospettiva aperta alla Galleria dell’Incisione di Brescia dall’8 febbraio all’8 marzo e una monografia di Emanuele Bardazzi (edita da Officine Vereia Mmx) consentono di approfondire l’identità di questo maestro mitteleuropeo. Comuni al modello Max Klinger, del quale rilevò lo studio a Roma nel 1898, erano alcuni soggetti, la consuetudine di operare per cicli tematici e il talento grafico, anche se l’eccellenza di Greiner va individuata nel disegno e nella litografia, piuttosto che nella calcografia. Oltre a un corpus di disegni, sono esposte stampe come «Ulisse e le sirene» e la «Creazione dell’uomo». Greiner spaziava dall’erotismo «à la Rops» del ciclo «Alla donna» a riverberi del pensiero di Nietzsche in un «Golgota» traslato sul colle Esquilino, dalla satira politica alle suggestioni goyesche di «Notte di Valpurga». (Nella foto, «A Max Klinger»)

Franco Fanelli, Vernissage, Il Giornale dell'Arte, febbraio 2011

Top

Pin It on Pinterest

Share This
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati utilizzano cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy