18 Novembre 2013

Comunicato stampa - Incontro Con Steve McCurry

Steve McCurry

Dal 22 novembre al 22 dicembre 2013 la Galleria dell'Incisione di Brescia espone una selezione di alcuni degli scatti più famosi del fotografo americano Steve McCurry.

McCurry sarà a Brescia all'auditorium del Museo di Scienze Naturali venerdì 22 novembre 2013 per raccontare i retroscena delle sue fotografie, intervistato da Andrea Micheli.


Galleria dell'Incisione, SudEst54, Comune di Brescia


Steve McCurry (Philadelphia, 1950) è considerato uno dei fotografi più importanti del secondo dopoguerra.
La sua carriera comincia quando, travestito da indigeno, decide di attraversare il confine tra il Pakistan e l’Afghanistan, più di trent’anni fa. Il suo eccezionale reportage gli fa vincere la Robert Capa Gold Medal, uno tra i premi di maggior prestigio al mondo, conferito ai più coraggiosi e intraprendenti fotografi.
Le immagini di McCurry sono oggi un esempio insuperato d’intensità e bellezza. Collaboratore di molti periodici internazionali, tra cui “National Geographic”, McCurry è membro dell’agenzia Magnum Photos dal 1986; ha vinto quattro primi premi del World Press Photo nello stesso anno, fatto senza precedenti, e nel 2009 è stato insignito dell’Ambrogino d’Oro. Molte delle fotografie di McCurry, come la celeberrima Ragazza afgana, sono diventate vere icone dei nostri giorni.
Il suo ultimo libro, Le storie dietro le fotografie (pubblicato in Italia da Electa nel settembre 2013, ma già esaurito), offre uno sguardo inedito sul “dietro le quinte” del suo lavoro.

Andrea Micheli, Milano 1972, fotografo, naturalista e MBA, consigliere in iniziative editoriali e culturali tra le quali Longanesi, Salani, Fondazione Forma per la fotografia, ha pubblicato numerosi articoli e alcuni libri, tra i quali Animalia Tantum e Piccioni per Skira editore.
Ha realizzato varie mostre personali in Italia e all’estero (Dieci Rupie inaugurata nel 2011 alla Fondazione Forma per la fotografia è tuttora in tournée per l’Italia).
Con l’amico e maestro Elliott Erwitt ha compiuto dal 2000 periodici viaggi fotografici culminati in alcune esposizioni a due.
Hanno scritto di lui Gianni Berengo Gardin, Carlo Bertelli, Denis Curti, Philippe Daverio, Elliott Erwitt, Guido Martinotti, Carlo Orsi, Arnaldo Pomodoro, Emilio Tadini, Guido Vergani.

Pin It on Pinterest

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram