Il Giornale dell'Arte, giugno 2014

«Martini tra santi e leoni»

di Ada Masoero

Una ventina di sculture, un disegno e alcune incisioni di Arturo Martini compongono una mostra presentata fino al 20 luglio dalla Galleria dell’Incisione. Del percorso dello scultore trevigiano (1889-1947) la mostra esplora tutte le stagioni, soffermandosi specialmente sul decennio felice che tra il 1925 e il 1935, dopo le dure, bellissime opere degli anni di Ca’ Pesaro e l’esperienza di «Valori Plastici», lo vede rivisitare la tradizione del nostro passato con l’occhio disincantato e selettivo di chi ha attraversato le avanguardie: Martini giungerà infatti a esiti affrancati da ogni accademismo. Allo stesso modo anche i soggetti sacri entrano in una dimensione non confessionale: accade nelle terrecotte da stampo del «San Sebastiano» (1927, nella foto) e della «Leggenda di san Giorgio» (1926-27); nei bronzi dell’«Incontro di san Marco e san Giusto» (1934) e del «San Giovannino» (1935), e nella formella da «Via Crucis» di «Gesù abbeverato di fiele» (1926-27). Senza dimenticare i due sedili scultura in grès «Leone e leonessa da giardino» (1935-36), due fiere che paiono fuggite da qualche cattedrale romanica.

Ada Masoero, Il Giornale dell'Arte, giugno 2014

Top

Pin It on Pinterest

Share This
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati utilizzano cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy