Mostra: István Orosz
268
Dal 16 novembre al 15 dicembre 2013

István Orosz

Orosz, uno dei più affermati artisti ungheresi, è illustratore, grafico, pittore, incisore e scenografo. Il suo lavoro, presentato per la prima volta in Italia, è stato spesso paragonato a quello di Escher: le sue immagini sono ricche di significati nascosti, illusioni ottiche, oggetti e situazioni impossibili.

In occasione dell'anno culturale Italia-Ungheria, la Galleria dell'Incisione è lieta di presentare la prima mostra in Italia di István Orosz. Di origini ungheresi, Orostz è un artista che si distingue nell'ambito dell'illustrazione, della grafica, dell'incisione e della pittura. Importante il suo lavoro anche come scenografo e regista di film d'animazione.

La ricerca artistica di István Orosz attinge ad un immaginario forte e coerente. Misteriose formule matematiche percorrono i suoi lavori; Orosz è capace di creare immagini ricche di significati nascosti, illusioni ottiche, oggetti e situazioni impossibili. Il suo lavoro, caratterizzato da prospettive paradossali e corto-circuiti di senso, è stato spesso paragonato a quello di Escher.

István Orosz è un profondo conoscitore e interprete in chiave contemporanea dell'anamorfosi, tecnica che, importata dalla Cina, in Europa conobbe grande fortuna durante il Rinascimento. L'anamorfosi consiste nel creare delle immagini dalla prospettiva distorta che possono essere lette solo se osservate da un preciso punto di vista o attraverso uno specchio ricurvo.

Accanto all'attività artistica, István Orosz si occupa di grafica applicata per committenti in Ungheria, Stati Uniti e molti altri paesi. Dal 2003 è membro dall’Alliance Graphique Internationale.

Una selezione di opere in mostra
facebook-squareexternal-linkfile-pdf-o

Pin It on Pinterest

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram