Mostra: Maria Lai. <em>Le fate operose</em>
252
Dal 2 ottobre al 23 novembre 2010

Maria Lai. Le fate operose

Fortemente legata alla tradizione della sua terra, l'artista sarda Maria Lai (Ulassai, 1911) rielabora fiabe e leggende e le rende universali attraverso un linguaggio semplice e colto, che esprime con i materiali più vari: matita, acquarello, carta, filo, sassi, ceramica, telai. Le opere esposte coprono il periodo dal 1945 al 2008.

“Giocavo con grande serietà, a un certo punto i miei giochi li hanno chiamati arte.”

La mostra presenta una quarantina di opere dell'artista sarda Maria Lai (nata a Ulassai, Ogliastra, nel 1919) che, dopo aver frequentato a Roma il Liceo Artistico, è stata allieva di Arturo Martini all’Accademia di Venezia dal 1942 al 1945.

Personaggio fuori dai canoni e di genuina freschezza creativa, l'artista Lai è difficile da catalogare. Fortemente legata alla tradizione della sua terra, Maria Lai rielabora fiabe e leggende e le rende universali attraverso un linguaggio semplice e colto, che esprime con i materiali più vari: matita, acquarello, carta, filo, sassi, ceramica, telai.

Coi suoi libri cuciti ha partecipato alla Biennale di Venezia del 1978 in un progetto multimediale. Nell'81 ha ideato un'opera comunitaria di eccezionale portata e ampiezza: "Legarsi alla montagna", che ha coinvolto in una performance corale tutto il paese di Ulassai e che è documentato da un film di Tonino Casula e dalle foto di Piero Berengo Gardin.

La mostra è formata in prevalenza da opere su carta e da collages, ceramiche, tele e libri cuciti. Tra i lavori più suggestivi esponiamo una piccola serie di “Fate operose”, carte realizzate con fili d’oro e d’argento e stoffe preziose, ispirate alle mitiche Janas, nate per magia da uno sciame d’api, che insegnarono alle donne sarde a filare e tessere.

Le opere esposte coprono un arco temporale che va dal 1945 al 2008: una sintesi del percorso eclettico ma coerente della Lai.

La mostra è accompagnata da un'introduzione di Gianni Murtas.

Una selezione di opere in mostra
file-pdf-o

Pin It on Pinterest

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram

Questo sito o gli strumenti di terze parti in esso integrati utilizzano cookie necessari per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Per saperne di più, consulta la cookie policy