Mostra: Solstizio d'estate
188
Dal 21 giugno al 21 luglio 2000

Solstizio d'estate

Quali attardati pellegrini, nell'ultima luna di mezz'estate di una notte di fine millennio, un gruppetto di pittori si avventura tra i faerie elves, accomunati dall'attrazione per quel magnete dell'immaginazione che è stato ed è il Sogno shakespeariano.

Opere di:

  • Carol Berenyi
  • Jessica Carroll
  • Stefano Faravelli
  • Giuseppe Gallizioli
  • Giorgio Maria Griffa
  • Anna Lequio
  • Graziella Marchi
  • Andrea Micheli
  • Mario Pandiani

“... or faerie elves, / Whose midnight revels, by a forest side/ Or fountain some belated peasant sees, / Or dreams he sees, while over head the moon / Sits arbitress...”

“... o quei folletti spirti / Che in notturni tripudi o vede o sogna / Veder appresso una foresta o un fonte / Il tardo peregrin, mentre sul capo / Dritto gli pende della luna il raggio...”

Quali attardati pellegrini, nell’ultima luna di mezz’estate di una notte di fine millennio, un gruppetto di pittori si avventura tra i faerie elves, accomunati dall’attrazione per quel magnete dell’immaginazione che è stato ed è il Sogno shakespeariano. Altri pellegrini prima di noi hanno percorso la stessa via: avventure testimoniate dalla galleria shakespeariana di John Boydell (1790) e confluite nell’ultima grande celebrazione della pittura fairy nell’età vittoriana alla Royal Accademy (1997/98).
Una massoneria, una confraternita ideale ha unito attraverso i secoli i nomi di Füssli, di Reynolds, di Turner e di Danby, di Paton e del veggente pazzo Richard Dadd, del Bosch in sedicesimo John Anster Fitzgerald e di tanti altri, soprattutto inglesi.
Ignoro quanti di noi sentano, come me, la vocazione a cantare i notturni tripudi, quanti di noi abbiano visto o sognato folletti spiriti, ma credo che il pendulo raggio del pianeta dei lunatici brilli sul capo di tutti: ciò basta a far sì che la scelta di quel repertorio letterario divenga una scelta proiettiva. Il raggio dell’immaginazione infonderà allora, sulla carta o sulla tela, nuova vita agli incontri notturni di Oberon, di Titania, di Puk e degli amanti perduti nel bosco.
Offriamo al nostro pubblico ventagli di ali di farfalla, torce di cera staccate dalle cosce dei ronzoni e accese con gli occhi fosforescenti delle lucciole, farsetti di pelle d’ala di pipistrello, manti di fata e altri preziosi tesori. Ma ciò che realmente abbiamo da dare è quanto Titania promette a Bottom (atto III, scena I): un rimedio che sappia purgare le nostre anime dalla mortal pesantezza... “And I will purge thy mortal grossness”.

— Stefano Faravelli, Torino, 24 maggio 2000

Una selezione di opere in mostra

Pin It on Pinterest

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram